19 Agosto

HEALTHCARE

E’ illegittimo l’inserimento nella medesima lista di trasparenza di Omega 3 con diversa concentrazione di principi attivi

19/08/2020

Con la sentenza n. 9192 del 13 agosto 2020 il Tar Lazio, in accoglimento del ricorso proposto da un’azienda farmaceutica titolare di Omega 3 con concentrazione non inferiore all’85/., ha annullato siccome illegittima per difetto di istruttoria e di motivazione la decisione di Aifa di accorpare nella medesima categoria della lista di trasparenza sia gli Omega 3 con concentrazione pari all’84/. che gli Omega 3 con concentrazione non inferiore all’85/. Cio’ in mancanza di un adeguato studio di biodisponibilita’ volto a dimostrare la bioequivalenza tra i due medicinali, peraltro aventi anche un differente numero di unità posologiche, con conseguente penalizzazione delle ditte che commercializzano farmaci con una più alta concentrazione di principi attivi, costrette a subire la concorrenza di medicinali aventi una minore concentrazione di principi attivi ma il medesimo prezzo di riferimento.

Con la medesima pronuncia, il Tar ha altresì evidenziato la perplessità e contraddittorietà della decisione di Aifa a fronte di precedenti valutazioni di segno opposto che avevano riconosciuto la non sovrapponibilita’ tra le due categorie di medicinali, non superate medio tempore da elementi nuovi tali da legittimare l’Agenzia a modificare le proprie determinazioni.