21 Maggio

BANCARIO E INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA

Esclusa dalla Banca d'Italia la segnalazione in centrale rischi dei ritardi di pagamento conseguenti all’adesione alle moratorie previste dal D.L. Cura Italia

21/05/2020

La Banca d’Italia, con comunicazione del 23 marzo 2020, ha fornito agli intermediari specifiche indicazioni in caso di adesione alle "moratorie" previste dal decreto legge "Cura Italia" e da altre analoghe previsioni di legge, accordi o protocolli d'intesa. In particolare, non verranno segnalati ritardi nei pagamenti per coloro che beneficiano della moratoria, in quanto le rate sono sospese. Inoltre, il cliente non potrà essere segnalato a sofferenza dal momento in cui la moratoria gli è stata concessa. L’interessato non ha diritto alla cancellazione di una eventuale propria posizione a sofferenza se questa è stata iscritta in un momento antecedente la concessione della moratoria; la richiesta di moratoria, invece, non qualifica in alcun modo in Centrale dei rischi come un "cattivo pagatore". Delle moratorie possono beneficiaria, per altro, solo i clienti che alla data della richiesta non hanno segnalazioni di inadempienze negli obblighi contrattuali rispetto a prestiti ricevuti (clienti in bonis).