16 Luglio

LAVORO

Legittimo il licenziamento del lavoratore per improprio utilizzo dei permessi ex legge 104

16/07/2019

Con sentenza n. 18411 del 9 luglio 2019, la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità del licenziamento di un lavoratore beneficiario di permessi ex legge 104/1992 per la cura e l’assistenza di un famigliare e che, nel caso di specie, si era assentato dal lavoro usufruendo del permesso in questione, formalmente, per assistere la propria madre ma, in realtà, rimanendo per tutto il tempo del permesso presso la propria abitazione. La Cassazione, confermando il proprio orientamento in materia, ha riconosciuto nella condotta del dipendente una giusta causa di licenziamento, per lesione irreparabile del vincolo fiduciario, in quanto se è vero che non vi è alcun obbligo di documentare l’effettiva assistenza prestata in favore del famigliare, di contro il lavoratore è tenuto a utilizzare i permessi ex legge 104 secondo correttezza e buona fede, così che è legittimo il controllo compiuto dal datore di lavoro che abbia il sospetto che tali permessi siano in realtà utilizzati dal lavoratore per altre finalità estranee all’assistenza del famigliare; tale controllo può essere compiuto anche mediante investigatori privati.