20 Novembre

HEALTHCARE

Vaccini: spetta alla Regione la scelta sulla tipologia da somministrare agli assistiti

20/11/2018

Il Tar Piemonte ha ribadito che è legittima la decisione della Regione di attivare una procedura aperta per l’acquisto di un vaccino al prezzo più basso, considerato che le Regioni sono libere di scegliere autonomamente quale tipologia di vaccino somministrare ai propri assistiti, sulla base degli specifici dati epidemiologici del territorio. Nel caso esaminato dal Tar, un’azienda farmaceutica titolare di un vaccino pneumococcico contestava alla Regione di aver posto in concorrenza due vaccini con due principi attivi differenti, nonché di aver illegittimamente adottato una decisione di equivalenza terapeutica tra medicinali contenenti principi attivi differenti, in assenza di una conforme valutazione tecnica di AIFA e, dunque, in violazione di quanto previsto dall’art. 15, co. 11ter e 11quater, d.l. 95/2012. Secondo quanto stabilito dal Giudice amministrativo, nel caso in esame non trovava applicazione l’art. 15, co. 11ter, d.l. 95/2012, considerato che i vaccini in esame presentavano una diversa copertura di sierotipi, non, invece, la derivazione da differenti principi attivi e che la norma citata, richiamando il concetto di “equivalenza terapeutica”, si riferisce con evidenza ai farmaci da somministrarsi a scopo di terapia e non ai vaccini, che hanno esclusivamente funzione profilattica e preventiva. Il Tar ha altresì escluso l’applicazione dell’art. 15, co. 11quater, d.l. 95/2012, dal momento che tale norma è applicabile soltanto alle gare per l’acquisto di farmaci biosimilari e dei loro farmaci biologici di riferimento e tra i vaccini coinvolti nel caso di specie non è stata dimostrata l’esistenza di un rapporto tra biosimilare e medicinale di riferimento (Tar Piemonte, sent. n. 1257 del 16 novembre 2018).