29 Giugno

HEALTHCARE

Adottato il nuovo Testo Unico sulle piante officinali

29/06/2018

Con d.lgs. n. 75 del 21 maggio 2018 (pubblicato in G.U. n. 144 del 23 giugno 2018) è stato adottato il nuovo Testo Unico in materia di coltivazione, raccolta e prima trasformazione delle piante officinali, in attuazione di quanto previsto dall’art. 5, l. 154/2016 (recante “Delega al Governo per il riordino e la semplificazione della normativa in materia di agricoltura, silvicoltura e filiere forestali”).

In particolare, il decreto, che abroga la precedente legge n. 99/1931, ritenuta ormai obsoleta, fornisce una nuova definizione di piante officinali, prevedendo l’adozione, nei prossimi mesi, di appositi registri varietali aventi lo scopo di valorizzare le caratteristiche delle diverse piante officinali ammesse alla commercializzazione e di stabilire le modalità e le condizioni per la certificazione delle sementi.

Sono, poi, indicati i principi fondamentali in materia di coltivazione, raccolta e trasformazione delle piante officinali, considerate a tutti gli effetti attività agricole ai sensi dell’art. 2135 c.c. e che dovranno essere svolte in conformità alle Good Agricultural and Collection Practice (GACP), nonché alle Good Manufactorign Practice (GMP).

Il decreto prevede, inoltre, l’istituzione di un apposito tavolo tecnico con compiti consultivi e di monitoraggio in materia di piante officinali e concede alle Regioni la possibilità di istituire marchi finalizzati  a certificare il rispetto di standard di qualità nella filiera delle piante officinali.

Viene, infine, disciplinato il profilo sanzionatorio, prevedendo all’art. 8, che chiunque arrechi danno alle piante officinali sarà soggetto alla sanzione amministrativa da euro 5,16 a euro 51,65.

Il Testo Unico, che entrerà in vigore l’8 luglio prossimo, troverà applicazione dal 20 dicembre 2018.