21 Giugno

HEALTHCARE

Il Consiglio Superiore di Sanità boccia gli alimenti a base di cannabis “light”

21/06/2018

E’ stato pubblicato il parere con il quale, in risposta ad uno specifico quesito del Ministero della salute del febbraio scorso, il Consiglio Superiore di sanità ha statuito che tra le finalità della coltivazione della canapa industriale previste dalla legge 242/2016  - norma che ha dato avvio al commercio di alimenti a base di cannabis “light” -  “non è inclusa la produzione delle infiorescenze né la libera vendita al pubblico”.  Ad avviso del CSS, infatti, la biodisponibilità di THC anche alle  basse concentrazioni consentite dalla legge (0,2%-0,6%) non è trascurabile, sulla base dei dati di letteratura; per le caratteristiche farmacocinetiche e chimico-fisiche, THC e altri principi attivi inalati o assunti con le infiorescenze di cannabis sativa possono accumularsi nell’organismo, il che non consente un consumo al di fuori di ogni possibilità di monitoraggio e controllo della quantità effettivamente assunta e quindi degli effetti psicotropi che questa possa produrre, sia a breve che a lungo termine. Ad avviso del CSS, inoltre, “non appare in particolare che sia stato valutato il rischio al consumo di tali prodotti in relazione a specifiche condizioni di talune categorie” di consumatori, quali donne in gravidanza o soggetti con patologie concomitanti che assumono farmaci.